I NUMERI RELATIVI

Nella realtà noi usiamo dei numeri diversi da quelli che abbiamo conosciuto finora, numeri preceduti dal segno che chiamiamo numeri negativi e numeri preceduti dal segno che chiamiamo numeri positivi. Tutti questi numeri si chiamano numeri relativi, chiamati così perchè il loro valore dipende dal segno che li precede. Quando non c’è possibilità di confusione i numeri positivi possono essere scritti senza il segno + . I numeri relativi possono essere rappresentati sulla linea dei numeri che in questo caso viene prolungata anche verso sinistra oltre lo zero.

Osserva:

I NUMERI RELATIVI VENGONO USATI IN DIVERSI AMBITI DELLA VITA QUOTIDIANA IN SITUAZIONI REALI.

ALTITUDINE E PROFONDITA’

In geografia si usa il livello del mare come punto di riferimento della misura dell’altitudine, così sappiamo che il Monte Everest ha un’altitudine di 8 847 metri sopra il livello del mare e che la Fossa delle Marianne ha una profondità massima di 11 022 metri sotto il livello del mare. Correttamente diciamo che l’altitudine del Monte Everest è di + 8 847 metri e quella della Fossa delle Marianne è di – 11 022 metri.

TEMPERATURE

Anche quando ci occupiamo del clima e della temperatura ci troviamo nella necessità di usare i numeri relativi.

In Sicilia, nel mese di gennaio, il termometro segna +10°C, mentre in Valle d’Aosta, nello stesso giorno, il termometro segna -10°C

Temperatura in Sicilia : Temperatura in Valle d’Aosta:
10°C sopra lo zero + 10 10°C sotto lo zero – 10

Come vedi il termometro segna 10 gradi sia in Sicilia sia in Valle d’Aosta, ma la temperatura non è affatto la stessa! C’è una differenza di 20°C.

AVVENIMENTI STORICI

In storia, nel nostro Paese gli anni si contano, per convenzione, dalla nascita di Gesù, avvenuta circa 2 020 anni fa e considerata l’anno zero. 

La civiltà Egizia si sviluppò circa nel 3 500 a.C. Quindi 5 5020 anni fa.

BILANCIO TRA ENTRATE E USCITE

ANDREA HA 12 BIGLIE COLORATE. GIOCANDO CON STEFANO NE PERDE 15. QUANTE BIGLIE HA ANDREA ALLA FINE DELLA PARTITA?

Capisci subito che Andrea ha perso un numero di biglie maggiore di quello che possiede. Possiamo rappresentare la situazione sulla linea dei numeri.

Come vedi, Andrea è a quota -3, cioè ha un debito di tre biglie con Stefano. La stessa cosa capita nelle attività commerciali, dove si può avere un attivo, cioè un guadagno, o un passivo, cioè una perdita. L’attivo si esprime con numeri positivi e il passivo si esprime con numeri negativi.

I numeri relativi in azione.



Il lavoro continua con i numeri relativi, l’ escursione termica e il grafico.